Champagne o Franciacorta?

CHAMPAGNE CONTRO FRANCIACORTA: Come nascono? Quali sono le differenze? …e chi vincerà?

Enzo Gullone

ruinartChampagne contro Franciacorta

Sia lo Champagne che il Franciacorta sono realizzati sulla base dello stesso metodo di fermentazione, il Metodo Classico, che però nella zona dello Champagne viene chiamato Metodo Champenoise. La caratteristica principale è la doppia fermentazione

Pur seguendo un procedimento similare, il Franciacorta non ha le stesse caratteristiche dello Champagne.
Questo è dovuto a due fattori principali: il territorio della zona di Champagne, costituito da grandi pianure sotterranee di gesso che danno un’acidità unica al prodotto

View original post 194 altre parole

De-Gustando: l’Italia a tavola e nel bicchiere

Lo spazio espositivo Zona K (nel quartiere Isola) ha ospitato, ieri, la prima edizione di De-Gustando, un percorso dedicato alla ricerca di piccole perle del Made In Italy.   L'evento ha coinvolto 22 aziende di vino, birra e cibo che hanno voluto rappresentare le eccellenze italiane e che hanno dato vita a un meltin' pot … Continua a leggere De-Gustando: l’Italia a tavola e nel bicchiere

Vino & Solfiti: ecco quello che devi sapere

Pensi di sapere tutto sul vino che stai bevendo? Leggi sempre l’etichetta fino in fondo?

Sergio Fiandra rappresentanze

Solfiti, tannini e resveratrolo:

se sei una persona che legge da cima a fondo le etichette delle bottiglie di vino, sicuramente ti sei imbattuto più di una volta in questi termini?

Ma cosa sono queste sostanze che si trovano nel vino – che avevi sempre creduto essere fatto di sola uva?

Sono pericolose per la salute?

Scoprile tutte: 

1. SOLFITI – «I solfiti sono degli additivi comunemente aggiunti al vino per proteggerlo dall’ossidazione o dalla proliferazione di batteri indesiderati – spiega Habertson – In altre parole fanno in modo che il vino non diventi aceto ma in alcuni casi possono provocare, in chi consuma quel vino, crisi di starnuti, riniti allergiche o mal di testa. Solo una piccola parte della popolazione è allergica ai solfiti: chi ne è al corrente deve cercare un vino che rechi sull’etichetta la dicitura ‘Non contiene solfiti’».

2. ISTAMINA – Si tratta di una…

View original post 351 altre parole

Alla scoperta della cucina peruviana

Da qualche anno balzata all’attenzione della cronaca internazionale, definita da Ferran Adrià – antesignano della cucina molecolare - “la culla della prossima rivoluzione gastronomica” e inserita nella classifica The World’s 50 Best Restaurants 2015 con ben quattro ristoranti, l'arte culinaria peruviana è ormai diventata una presenza fissa nella cucina di alto livello! Lima vi sembra lontana? Siete fortunati, … Continua a leggere Alla scoperta della cucina peruviana

Conosciamo la famiglia Florio

La famiglia siciliana che più rappresenta lo spirito imprenditoriale durante il periodo della cosiddetta “belle époque”, contribuendo a rendere la Sicilia splendente ed elegante, colta ed operosa… ma soprattutto invidiata da tutta l’Europa!

* La camera delle meraviglie *

I Florio, Simone Candela

Di Elisa Olga Musso

Tramite una lunga e indaginosa ricerca d’archivio l’autore Simone Candela, ci mostra la parabola discendente di una famiglia protagonista assoluta di un “lentissimo tempo siciliano”, tra Ottocento e Novecento: i Florio.

Il libro, corredato di tabelle, indice dei nomi e una ricca bibliografia, è diviso in sedici capitoli, l’interesse è volto soprattutto agli aspetti economici delle attività commerciali create da quattro generazioni che si sono susseguite nell’arco di cento cinquant’anni.

Tutto ha inizio tra 1790 e il 1802, quando Paolo Florio (1772-1807) entra in società, a Bagnara, con Paolo Barbaro, esperto mercante di droghe. Dal 1803 Florio si trasferisce a Palermo e si mette in proprio con il fratello Ignazio (1776-1829) inserendosi in un commercio reso più favorevole dalla presenza della corte dei Borbone. La loro modesta drogheria nel giro di poco tempo gestirà un’ assortimento di merci che tra medicinali…

View original post 1.459 altre parole