Alto Adige: piccolo territorio, grandi vini

Con i suoi 5.400 ettari di terreno coltivato a vite, l’Alto Adige è la zona vinicola più piccola d’Italia. Un territorio tanto ristretto quanto eterogeneo, che grazie però a condizioni climatiche ideali è in grado di offrire alcuni dei migliori vini del nostro Paese. Il 98% della superficie coltivata è soggetta al disciplinare DOC, che certifica la zona di origine del vino: è la percentuale più alta in Italia.
vini-alto-adige
Una qualità che ha radice storiche profonde, fra le più antiche di tutta Europa, che risalgono ai tempi dell’impero romano e hanno conosciuto una nuova fioritura nel periodo dell’impero asburgico nel diciannovesimo secolo e negli ultimi trent’anni, tanto da riscuotere oggi un grande successo sia a livello italiano che internazionale.

Alto Adige: soprattutto vini bianchi

I vigneti altoatesini si estendono a quote tra i 200 e i 1.000 metri sul livello del mare e per circa il 60% della produzione si tratta di vini bianchi, una tendenza peraltro in aumento. Una vocazione che accomuna l’Alto Adige al vicino Trentino e che contribuisce al successo dei suoi vini come il Pinot bianco, lo Chardonnay, il Gewürtztraminer, il Müller-Thurgau e il Sauvignon, solo per citarne alcuni.

Quest’estate siamo stati a Calici di Stelle a Bolzano ed è stato proprio un Sauvignon, tra i tanti, a conquistare il nostro cuore: un Sauvignon Obermoser del 2017 che, nella sua giovinezza, si presenta con un intenso colore giallo paglierino e aromi erbacei e vegetali e sinuose note fruttate.
vini-alto-adige


Cantina Obermoser
Indirizzo: Untermagdalena, 35 – 39100 (BZ)
Telefono: 0471973549
[Sito Web]

Alto Adige: anche i vini rossi

La serata bolzanina è stata lunga e non si è fermata all’assaggio dei pur numerosi e inebrianti vini bianchi locali. L’Alto Adige offre infatti alcuni dei più importanti vini rossi d’Italia: basti pensare ai due vitigni autoctoni Schiava e Lagrein, che ora stanno vivendo un momento di meritato splendore e ai quali anche noi accordiamo la nostra preferenza. Corposo, fruttato, armonico, nessun vino (potete scommetterci) saprà colpirvi sin dalla prima occhiata come il Lagrein: un rosso tanto scuro e intenso da sembrare inchiostro, tanto sontuoso e strutturato al palato da costringervi a prenotare le vostre prossime vacanze in Alto Adige. Come è successo anche a noi.
vini-alto-adige

– Volete saperne di più? Seguiteci su 
FACEBOOK –
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...