Un viaggio tra le App dove il vino è il protagonista indiscusso

vino-app-smartphone

Lo sappiamo bene che della quarantena proprio non ne potete più, ma niente paura! Non scoraggiamoci e lasciamoci immergere in un mondo ricco di colori e, fortunatamente, di tecnologia: quello del vino. Lo possiamo fare, stavolta, stando comodamente a casa davanti al nostro cellulare, viaggiando attraverso la tecnologia, in un universo parallelo dove poter bere al tempo dello smartphone. Quello che quindi vi vogliamo proporre è un itinerario digitale nel mondo delle App per conoscere, informarsi e acquistare del buon vino. Ma anche per sfogliare etichette, documentarsi, aggiornarsi, condividere informazioni e, perché no, scoprire curiosità. 

Un classico evergreen: Vivino, l’App per gli amanti del vino

app-vino-vivino
ph. credits magazine.ilchiccoduva

Partiamo quindi da un grande classico: con oltre 42 milioni di utenti registrati, Vivino è la comunità di amanti del vino più grande del mondo. Attraverso pochi e semplici passaggi, si potranno facilmente valutare, recensire, scoprire ed acquistare tantissime bottiglie. Uno sfondo colore rosso e la sagoma di un grappolo d’uva distinguono il logo di quest’App, che vi permetterà di accedere a milioni di vini.

Scansionando un’etichetta di una bottiglia che ci ha incuriosito o ci è piaciuta, se ne riceveranno informazioni: in questo modo, l’App funge anche “da guida enologica tascabile“, per fornire notizie aggiornate su varietà e abbinamenti, ma anche regioni di provenienza e aziende produttive.

Non solo! Anche acquistare il vino ideale tramite un ricchissimo assortimento e tenere traccia di quello che proviamo, creando una sorta di percorso personale e tecnologico all’interno del mondo del vino. Tramite Vivino si possono anche “incontrare” utenti con la nostra stessa passione, condividerla con loro, e farsi ispirare dalle valutazioni di “compagni di viaggio” con gusti affini ai nostri.

Wine-Searcher: una consultazione mai così attuale, pratica ed informativa, dove l’etichetta del vino è indispensabile

vino-app-winesearcher

Una lente di ingrandimento rivolta sopra l’etichetta: ecco come, dal logo, questa App già sveli il suo vero volto. Tramite lo scanner all’etichetta infatti, la piattaforma permette di scoprire informazioni sul vino, punteggi dei critici, dettagli su regioni, annate e varietà. Bere non è mai stato così social, perché da qui è possibile anche recensire, dare punteggi al vino e condividerli con l’intera comunità. Si può inoltre creare un promemoria per le bottiglie di vino che ancora non si sono assaggiate, ma che per qualche ragione stimolano la nostra curiosità ed interesse.

Winelover: un’App per trovare, controllare e caricare informazioni sul vostro vino preferitowinelover-app

 

Un calice per ogni occasione e la bottiglia giusta ad ogni brindisi: quali sono i vostri vini preferiti? E quali potrebbero esserlo? Tramite quest’App potrete aggiungere vini alla vostra wishlist e scattare una foto all’etichetta senza preoccuparvi di ricordarne il nome. Una bella svolta per i più smemorati! Inoltre, all’interno dell’App, si possono inserire appunti di degustazione, dettagli e commenti, scoprire che cosa gli esperti dicono dei vini aggiunti al nostro “database” e registrarne i dati, andandoli poi a cercare utilizzando parole chiave, per tenerli sempre sott’occhio.

Vitae 2020: l’App del vino dell’Associazione Italiana Sommelier

app-vino-vitae
ph. credits affaritaliani

La più grande organizzazione di comunicatori del vino nel mondo, l’Associazione Italiana Sommellier, ha creato questo strumento indispensabile per gli appassionati e gli addetti ai lavori. Duemila produttori e diecimila vini selezionati sono consultabili all’interno dell’archivio, che descrive azienda e vino prodotto, e di alcuni di questi ne elenca note tecniche, abbinamenti e profili organolettici.  Grazie alla scheda descrittiva del vino e del suo abbinamento, l’App agevola navigazione e scelta, filtrando la selezione in base a nome, regione, valutazione e vitigno.

Raisin: The Natural Wine App per iOS

vino-app-raisin

Disponibile solo per iOS, facilissima da utilizzare, l’App con lo sfondo verde e due bottiglie di rosso una di fianco all’altra, attraversa il mondo del vino concentrandosi su quello naturale. Raisin (in francese, uva) permette di creare un profilo e interagire con la community, scattare una foto e scoprire che cosa stiamo bevendo, condividendo i vini che ci piacciono. Un cuore come like per ricordare e ricordarci che cosa abbiamo assaggiato e che cosa ci è piaciuto, lasciando sapere alla community quale vino abbiamo maggiormente apprezzato.

Veronelli: la Guida Oro al vino

app-vino-veronelli-guida
ph. credits seminarioveronelli

Una novità è l’App della Guida Oro ai vini d’Italia Veronelli, che permette di consultare i contenuti direttamente sullo smartphone: 1.200 pagine dell’edizione 2020 in digitale e a portata di polpastrello, per rimanere sempre aggiornati anche da casa. Moltissime informazioni su aziende e relativi vini, oltre 16.000 etichette recensite e i riconoscimenti della Guida Oro sono consultabili nella sezione Premi. Ed ora, non vi resta che imbarcarvi “nella vostra avventura alla scoperta del buon vino e buon viaggio!”. 

Il vino Porto: un nome, tante sfumature

vino-porto-calice

Vi è mai capitato di passeggiare tra i vicoli dalle mura bianche e ricoperte di bouganville, di salire gli scalini assolati e rumorosi, affacciandovi alle porte aperte tra le vie di Lisbona? Non possiamo portarvi in giro per questa stupenda città ma vi proponiamo un assaggio di vita portoghese, raccontandovi del Porto. In questo affascinante e ventoso Paese, nasce infatti un vino naturalmente dolce e liquoroso, amato in tutto il mondo. Conosciamolo meglio e prepariamoci ad un sorso di poesia.

Il vino Porto: sapore di tradizione antica

vino-porto-uva
ph. credits Xtrawine

Denso e dolce, il vino Porto non è un liquore, ma risulta comunque morbido, profumato, spesso e corposo. E’ prodotto da uve provenienti dalla regione del Douro, nel Nord del Portogallo, in particolare si tratta di uve di Tinta Barroca, Tinta Cão, Tempranillo, Touriga Francesa e Touriga Nacional.  I metodi di produzione del vino Porto sono ancora quelli di una volta: dopo la raccolta, tra la fine di settembre ed ottobre, vi è la pigiatura, un tempo manuale. Il Porto nasce dalla miscelazione di vini di annate e vigneti diversi: in seguito alla fermentazione, infatti, i vini dei vari appezzamenti vengono combinati alla ricerca di un perfetto equilibrio. 

vino-porto-vigneti
ph. credits Catavino

L’uva, una volta raccolta, viene spremuta e fatta fermentare; ma la fermentazione viene interrotta tramite l’aggiunta di acquavite locale, a 77 gradi, incolore e insapore, ma fatta con lo stesso vino del posto: i lieviti così, non riuscendo a trasformare lo zucchero in alcol, muoiono lasciando spazio alla dolcezza.

Il vino Porto e le sue varianti

vino-porto-botti

Sembra uno ma ne esistono molte varianti a seconda dell’invecchiamento (legno o bottiglia) e delle caratteristiche assunte.

Il Bianco è il vino base: invecchiato nel legno, si tratta di un vino giovane e fruttato che mantiene una certa dolcezza, molto facile da bere. Si divide in secco, semi secco e dolce. Il Rosato è un vino dalla storia recente (nasce nel 2008), non spicca per note particolarmente interessanti ma si dimostra piacevole, leggero, facile da bere. Si sale verso il Ruby: anche lui invecchiato nel legno, è un vino importante, di corpo e molto fruttato. Sa essere fresco e piacevole e non bisogna aspettare troppo per gustarlo, è un vino di pronta beva. Vicino al Ruby come base ma molto più complesso e strutturato è il Tawny: invecchiamento nel legno almeno fino a 30 anni. Al naso profuma di spezie, frutta secca, in bocca risulta dolce ma non stanca mai.

vino-porto-varianti-bicchieri
ph. credits introducingporto

Il livello si alza con il Colheita che fa parte di una categoria speciale di Porto: è prodotto, infatti, con uve di una sola annata. Invecchia in barrique per almeno sette anni e il risultato è un vino complesso, dalla spiccata identità: frutta secca, spezie, agrumi ne connotano il profumo. Restiamo nella categoria “speciale” con un sorso di LBV (Late Bottled Vintage), anche lui nato da una singola annata. Una versione di Porto nata per caso: rimasto invenduto invecchiò in botte per 4-5 anni e si trasformò così in un vino eccezionale. E’ fresco e fruttato, ma ha un’intensità e una profondità uniche che lo rendono inconfondibile. Arriviamo al Vintage che è la punta di diamante di questa squadra: prodotto da una singola annata straordinaria, fa un affinamento in legno per poco tempo (2 anni) e poi riposa in bottiglia almeno per dieci anni. Vino di grande struttura e personalità, corposo, denso, profumi seducenti e intensi di frutta e di spezie. Dolce ed elegante, racchiude tutte le migliori caratteristiche del vino Porto.

Il vino Porto: tra storia e produzione

A differenza di quanto si creda, sono stati gli inglesi ad inventare il vino Porto: grazie infatti agli importanti rapporti commerciali tra il Portogallo e l’Inghilterra, quest’ultima ripiegò sui vini della Valle del Douro. Questo vino nella seconda metà del Seicento veniva trasportato a Oporto e imbarcato verso il Regno Unito. Fu quindi un po’ per caso e un po’ per necessità che, a causa delle condizioni di viaggio, alcuni commercianti tagliarono il vino con acquavite per preservarlo durante la traversata.

Gli abbinamenti per gustare il vino Porto al meglio

vino-porto-abbinamento-dolce-cioccolato
ph. credits new.cockburns

Piatti di pesce e frutti di mare, d’obbligo nella regione, o il classico baccalà sono perfetti come abbinamento al vino Porto bianco. Così come un abbondante tagliere di formaggi saporiti e il pane per un gustosissimo aperitivo. Secondi di carne sono l’ideale invece per la tipologia dal colore ambrato, il Tawny. Se la vostra scelta ricade sul Ruby dovrete stapparlo al momento dell’aperitivo, sempre a base di formaggi, al dolce e alla frutta fresca o secca. Una buona notizia per gli appassionati di cioccolato: il Porto è un vino che si sposa molto bene con i dolci al cacao, riesce ad ammorbidire soprattutto il sapore del cioccolato amaro. Insomma, provatelo! Si tratta di un vino molto persistente quindi non sbaglierete abbinandolo a piatti più strutturati o a sapori forti, perché saprà sempre essere alla loro altezza, bilanciandoli. 

Ideale da sorseggiare non in solitaria, o comunque non per la prima volta, ma all’interno di una ristretta e accuratamente scelta compagnia di amici, il vino Porto si può piacevolmente degustare di fronte ad un panorama vista mare o oceano, oppure più semplicemente davanti ad un taccuino da riempire di pensieri, idee e disegni. 

Un sorso di poesia col vino Porto

vino-porto-lisbona-pessoa
ph. credits Márcio Martelli

Questo vino vi sarà offerto nelle taverne e nelle botteghe, accompagnato da un grande sorriso e dall’attesa, da parte del proprietario, di conoscere che cosa ne pensiate. Qui, nella terra di poeti e di scrittori conosciuti in tutto il mondo, la popolazione è euforica e semplice, timida e riservata, ma anche estroversa ed accogliente. Ci piace immaginare che anche il poeta lisbonese Fernando Pessoa ne abbia sorseggiato qualche bicchiere, seduto ai tavolini della Brasileira. Uno dei più antichi e famosi caffè di Lisbona, nel quartiere storico dello Chiado, la Brasileira accoglie la famosa statua di bronzo che ritrae il poeta fuori dal locale con un cappello in testa, molto probabilmente intento a raccogliere persone e storie attorno a lui. 

Prendete il vostro bicchiere di Porto e buon viaggio!