Lo sapevate che… il sakè si ricava dal riso

In molti pensano che il sakè (in giapponese ?) sia simile a una grappa e che vada servito caldo a fine pasto, ma non è così. Questa bevanda alcolica è molto più simile a un vino, si ricava dalla fermentazione del riso e va servito fresco: la temperatura ideale è intorno ai 9°!

japanese sake

Iniziare un viaggio alla scoperta di questa bevanda millenaria la cui origine si fa risalire al 712 d.c. non è affatto semplice, ma proviamo a capirci qualcosa di più.

La parola Sakè in giapponese in realtà si riferisce a qualsiasi bevanda alcolica (vino, birra, liquori, etc.), mentre il temine più corretto per questo tipo di prodotto sarebbe Nihon-shu, letteralmente “alcol giapponese”. Esso si ricava principalmente da riso e acqua, che interagendo con microorganismi come muffe e lieviti daranno poi il via alla fermentazione che produrrà il famoso composto finale. Ma ecco qui tutte le fasi della lavorazione e della produzione del sakè:

  • Levigazione del riso
  • Lavaggio, Cottura e Separazione
  • Fermentazione (indotta tramite la giunta di muffe e altri enzimi)
  • Pressatura e Imbottigliamento

Ma conoscete le vere peculiarità di questo vino di riso che gli antichi chiamavano l’acqua dei pazzi? Ebbene, pare che esso possieda ogni genere di virtù: dalla purificazione del sangue all’essere un rimedio contro l’inappetenza. E allora lasciatevi incuriosire dalle tante varietà di sakè e siate più disponibili verso un tipo di gustosità forse un po’ lontana da quelle a cui siamo quotidianamente abituati.

Sappiate che in Giappone ci sono oltre 1300 produttori (cosiddetti Kura), ognuno dei quali produce più di una tipologia di sakè. Per andare a colpo sicuro occorre affidarsi ai nomi più blasonati del settore: Juyondai (prodotto da Takagi Shuzo), Nabeshima (di Fukuchiyo Shuz?), Hakkaisan (produttore omonimo), Isojiman (produttore omonimo) e Michisakari (produttore omonimo).

“I vini ci vengono incontro, basta esser pronti a scoprirli. I sakè restano a tre passi di distanza, spetta a noi trovarli. Richiedono una maggior attenzione, ma ne vale la pena” (Serge Dubs, Chef Sommelier).

Tags:
,
CLAUDIO LIMINA
claudio.limina@gmail.com

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis nostrud exercitation ullamco laboris nisi ut aliquip ex ea commodo consequat. Duis aute irure dolor in reprehenderit in voluptate velit esse cillum dolore eu fugiat nulla pariatur. Excepteur sint occaecat cupidatat non proident, sunt in culpa qui officia deserunt mollit anim id est laborum.