NoLo – North of Loreto

Ne avete mai sentito parlare? NoLo è l’acronimo di North of Loreto e indica quella “nuova” e grande zona che si sviluppa intorno a viale Monza, via Padova e il Naviglio Martesana.
nolo-quartiere-milano
L’hanno ribattezzato il quartiere dei creativi per via dell’arrivo (negli ultimi tempi) di architetti, designer, studenti e artisti attratti dagli affitti a buon mercato e dall’incredibile multiculturalismo che si respira tra le vie di questa periferia milanese.

nolo-quartiere-milano
Dunque, benvenuti a NoLo: tessera urbana di un grande puzzle dalla strana forma. Un mondo variopinto di donne, uomini e situazioni. Ed è da qui che noi della redazione BIANCOVINO.COM scriviamo e andiamo alla ricerca delle novità e delle chicche da raccontare a voi…

La storia del quartiere | NoLo

Fino a poco tempo fa, viale Padova e dintorni erano simbolo di degrado. Ma Milano è fantastica perché cambia continuamente…

Ai primi del ‘900 questa era l’arteria che portava alle osterie e alle case affacciate sul naviglio, in direzione Monza. Negli anni ’60, la zona è cresciuta come quartiere operaio, popolandosi di immigrati provenienti soprattutto dal sud-Italia. Negli ultimi due decenni, invece, si è un po’ persa al punto da diventare una sorta di ghetto contenente un melting pot di etnie di paesi in via di sviluppo. Una via lunga e popolosa, teatro di micro e macro-criminalità in cui era considerato pericolo addentrarsi di sera.
nolo-quartiere-milano

Ad abitarla, quasi interamente, c’era una popolazione compatta e poco incline alla integrazione, insomma: dalla zona a nord di Loreto ci si teneva alla larga! Ma le cose stanno decisamente cambiando…

Le origini del nome | NoLo

Francesco Cavalli, designer 43enne, lamentava da sempre il fatto che il suo quartiere non fosse minimamente considerato nelle mappe delle Milano da bere. Ed è proprio lui uno degli inventori del nome ‘NoLo’ insieme a Luisa Milani e Walter Molteni, grafici dello Studio La Tigre.

nolo-quartiere-milano

“Contrariamente a quanto è stato detto e scritto – afferma Cavalli – dietro questa parola non c’è alcuna operazione commerciale, né noi rivendichiamo la paternità di una parola. Semplicemente, abbiamo cercato di ridare consapevolezza a quest’area, che si trova a pochi chilometri dal centro e che ha sempre avuto una sua storia e una vita in continua definizione, anche se in tanti non se ne accorgevano”.

Scopri di più…