Sicilia: import & export

Si dice che la Sicilia sia la prima in quanto superfici agricole investite a vite in Italia (il 15,9% – fonte: WineMonitor) e, probabilmente, perché di spazio ce n’è e ce ne sta ancora parecchio. Sempre in Sicilia, si vocifera (ndr) che il 30% di queste superfici è dedicato alla produzione di vini D.O.P., il 61% all’I.G.P. e il restante 9% alle restanti categorie. Numeri incoraggianti, ma c’è dell’altro: la regione siciliana guida la classifica delle superfici anche per la vite biologica ed è tra le prime per la crescita percentuale dei consumi in Italia. Ma se da un lato l’ottimismo decolla, dall’altro, in termini di esportazione, la Sicilia non riesce ancora a competere e si piazza tra le ultime regioni ( -0,8% sull’export siciliano dei vini nel 2014). E soprattutto, non era mai arrivato così tanto vino straniero in Sicilia (e in Italia) come nel 2014. Arriva sfuso e non se ne conosce la reale destinazione, la provenienza è soprattutto spagnola. Occorre fare chiarezza, occorre combattere.

E in fondo si sa che “pani e vinu rinforzanu lu schinu” (ce la faremo anche stavolta).

CLAUDIO LIMINA
claudio.limina@gmail.com

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis nostrud exercitation ullamco laboris nisi ut aliquip ex ea commodo consequat. Duis aute irure dolor in reprehenderit in voluptate velit esse cillum dolore eu fugiat nulla pariatur. Excepteur sint occaecat cupidatat non proident, sunt in culpa qui officia deserunt mollit anim id est laborum.